Il tempo dei bambini

…non corrisponde di sicuro al nostro. E prima lo capiamo prima finiremo di rovinarci la vita. Alzi la mano chi non si innervosisce/arrabbia almeno una volta al giorno (solo!) perchè il figlio sta (a nostro dire) perdendo tempo quando invece noi avremmo già dovuto fare dodici cose diverse? Probabilmente se aveste otto mani le avreste già alzate tutte. Anch’io.

Nell’elenco delle cose migliori ci sono: trasformarsi in un invertebrato mentre mamma ti sta vestendo, mangiare lo yogurt facendolo sgocciolare dall’alto verso la bocca effetto Bungee Jumping, dimenarsi stile tarantola per non farsi legare al seggiolino della macchina. Ognuno di noi avrà i suoi bei problemini che compaiono esattamente quando stiamo per mettere piede fuori di casa magari per un appuntamento effettivamente importante.

Ma ci sono poi quelli che io chiamo tempi di metabolizzazione che tutti i bimbi devono percorrere quando si trovano ad affrontare dei cambiamenti. In casa nostra il cambiamento è arrivato quasi un anno fa quando la tata si è ritrovata a dover dividere mamma e papà con la bambolina. Noi tutti felici perchè non manifestava nessun segno di gelosia o preoccupazione. Poi negli ultimi mesi era tutto precipitato portando la tata ad affrontare un periodo molto pesante dentro di se, mostrando difficoltà ad esternare quello che le succedeva. E’ stato un momento difficile per tutti perchè riuscire ad essere comprensivi dopo un’intera giornata negativa lo sappiamo non è facile. Ma oggi dopo mesi abbiamo sorriso insieme quando improvvisamente ha deciso di ritornare in piscina (aveva voluto assolutamente abbandonare anche quella), senza preavviso. Avevo appena finito il corso con  la bambolina e lei mi ha chiesto di poter entrare in acqua con i bimbi grandi. Così l’ho insaccata nel costume della sorella e abbiamo passato una bellissima mezz’ora. Ci siamo lessati il cervello nell’ultimo mese  per capire perchè rifiutasse di toccare l’acqua (persino l’altra settimana al mare), e oggi lei ha voluto stupirmi come solo una bambina sorridente di tre anni avrebbe potuto fare. Si è addormentata serena guardando un libricino nuovo con foto di animali e dicendomi tutti i loro nomi. Ci siamo ritrovate e ci amiamo più di prima.

One Thought on “Il tempo dei bambini

  1. Pingback: La nostra scelta educativa |

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Post Navigation

Switch to our mobile site