Speriamo che (vogliano che) sia femmina!

Aspettavo l’arrivo della bambolina e mentre vagavo per il mondo con il mio pancione una conoscente in un negozio parlando mi chiede se aspettassi un maschio o una femmina. Io tutta contenta le rispondo che stava arrivando la seconda bambina e lei (a disagio) mi dice “Ah…be’… va bene lo stesso” con l’aria di chi ti compatisce perchè ti sta capitando una disgrazia. Mio marito in passeggiata con la piccola incontra un’amica che non vedeva da tempo e non sapeva avessimo avuto un’altra tata. “Be’, ma il maschio vedrai che arriverà” partendo poi in un comizio sull’essenzialità di avere figli maschi, che sono meglio delle femmine e chi più ne ha più ne metta.

Quando le persone sanno che ho due femmine la domanda è sempre la stessa: “E tuo marito cosa dice? Si aspettava il maschio vero!?!”.
L’elenco è lungo. “Farete il terzo per cercare il maschio?”, “Chissà quanto ci tiene il papà al maschio”, “Bisogna farne subito un altro perchè questa è femmina”, “E il cognome? Chi lo porterà avanti?”.
La cosa che mi preoccupa di più è che la maggior parte di questi discorsi non escono dalla bocca di qualche nonno anzianotto legato a tradizioni decisamente arcaiche, ma si tratta di donne, per lo più giovani.
Se è esista o meno ancora una questione femminile come si chiede Silvia di genitoricrescono non lo so ma di sicuro nell’occidente secolarizzato c’è ancora chi (e direi sono tanti) pensa che avere una figlia femmina sia evidentemente una disgrazia, una cosa brutta da compatire. E se sono le donne stesse a dirlo è evidente che questo donne non avranno una grande considerazione di se stesse e mai potranno trasmettere alle loro figlie la bellezza dell’essere donne, la forza che porta dentro chi è capace di dare la vita, la certezza di essere una cosa buona e non una disgrazia. Quando faccio le passeggiate con la mia amica tutti a dirle “Che brava! Hai fatto la coppietta! Un maschio e una femmina!”. Mentre io una volta ho sentito delle parole orrende e vergognose “Ma tua moglie non è capace di farti un maschio?”, l’avessero detto a me a quest’ora sarei in galera per la reazione (comunque, ad essere pignoli, se questi maleducati avessero studiato un po’ meglio biologia al liceo saprebbero che non è certo colpa di mamma il sesso dei bimbi!!!).

Sta mattina vado in un ufficio per compilare dei moduli. L’impiegata mi fa “Mi dice il nome di suo marito, l’intestatario della bolletta?”, rispondo “Ma veramente il contratto è a mio nome”, “Ah si?…Bo’!?” con aria interrogativa. Finirà mai questa storia? “Bo’?”, con aria afflitta!

Questo post partecipa al blogstorming.

P.S. A voi cosa dicono se avete figlie femmine? Perchè non lo condividete qui sotto? Sono curiosa…

4 Thoughts on “Speriamo che (vogliano che) sia femmina!

  1. Potrei scrivere un libro!!!
    Anche io ho due bimbe e i commenti spaziano dal “che sfortuna” al “eh, va bè…si prende quel che viene” (e menomale, vogliamo sopprimerle?!?), al “vedrai quando avranno 12-13 anni che vita vi faranno fare!!!!”
    Anche nella mia esperienza questi commenti arrivano spesso da donne….bah!
    E anche per noi il tormentone è quello del figlio maschio…insomma il terzo forse un giorno arriverà ma se fosse di nuovo femmina non ci strappiamoo certo i capelli!

  2. Pingback: Presentazioni |

  3. Stessa cosa!
    “adesso vi tocca fare il terzo per avere il maschietto” è diventato una specie di sottotolo alle presentazioni…e pensare che io ho sempre desiderato 2 femmine e mio marito dopo la prima si è “convertito” e voleva la seconda pure lui..
    Non ci resta che consolarci con “….speriamo che sia femmina!”
    ;-)

  4. Io ho un maschio e una femmina e mi sento sempre a disagio quando mi dicono: “Brava, hai fatto la coppia, adesso sei a posto!” Brava innanzitutto perchè? Io volevo un’altra femmina! e poi perchè a posto? Se ne volessi un altro?
    Anche mio marito voleva un’altra femmina e quando gli hanno chiesto il perchè ha risposto che visto che si era trovato bene con la prima ne voleva un’altra!
    ciao Stefania

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Post Navigation

Switch to our mobile site