Tag Archives: Stagioni

Shopping verde e solidale: il G.A.S. che non inquina

Dopo la mia visita quotidiana da Michela, mi sento particolarmente ispirata a parlare di un argomento che avevo in serbo da un pochino.

Da un paio di anni noi facciamo parte di un G.A.S., Gruppo di Acquisto Solidale. Per chi non li conoscesse i GAS sono gruppi di famiglie che si uniscono per acquistare in modo critico alcuni prodotti direttamente dai produttori andando così ad abbattere in modo sensibile il prezzo dei beni. Come cita l’homepage della Rete Nazionale di collegamento dei G.A.S.Gruppi di Acquisto Solidali nascono da una riflessione sulla necessità di un cambiamento profondo del nostro stile di vita. Come tutte le esperienze di consumo critico, anche questa vuole immettere una «domanda di eticità» nel mercato, per indirizzarlo verso un’economia che metta al centro le persone e le relazioni…” . I prodotti quindi che un gruppo decide di acquistare devono rispondere ad alcuni criteri. Devono essere biologici, ecologici, a km zero, provenire da aziende che operano in modo serio e responsabile. Ad esempio noi prendiamo la frutta e la verdura da una cooperativa che pratica l’agricoltura biologica, che da lavoro a persone svantaggiate e che opera a pochi minuti da casa nostra. Detersivi ecologici sia per la casa che per la persona, pasta, riso, farina, latticini, carni (per chi le mangia) tutti bio e prodotti in zona.

Questo sistema non permette solamente di risparmiare monete (in virtù delle grandi quantità e dell’assenza di intermediari), ma crea uno stile di vita attento ai più grandi problemi sociali. Chilometri zero significa aiutare le aziende di casa nostra ma anche evitare enormi via vai di camion che consumano tonnellate di carburante. Ecologico vuol dire dare una mano all’ambiente e a noi stessi che respiriamo detersivi e ci laviamo con detergenti non nocivi al nostro organismo. Biologico per me significa tornare al ciclo naturale delle cose, non solo assenza di pesticidi e altre schifezze, ma verdura solo di stagione e del luogo, mele di misure diverse e non giganti, misurate col calibro e lucidate con la paraffina.

L’aspetto che amo di più dei G.A.S. è la socializzazione. Tutte le settimane ci si ritrova in piazza tutti assieme per ritirare la merce, alle riunioni si discute dei prodotti e dei nostri stili di vita ma si ride e si scherza davanti ad una fetta di dolce o ad un buon vino (anche questo bio!!!). Tutti gli anni ci ritroviamo assieme a condividere un cena meravigliosa di cui parlerò più avanti. Insomma lo trovo un bel modo di vivere, responsabile, critico e ad alta socializzazione.

(Non dover andare di continuo al supermercato è decisamente un sollievo).

Pioggia

Piove ormai da quattro giorni e l’intero Paese è allagato. In questo momento c’è una piccola tregua ma nei prossimi giorni sono previste ancora moltissime piogge. Così bisogna arrangiarsi a passare il tempo a casa e ieri ho trovato un passatempo molto zen, tagliare le verdure a pezzi piccolissimi.

Abbiamo sempre il frigo pieno di bellissimi ortaggi biologici che arrivano ogni settimana tramite il G.A.S. e così ho preparato questo piatto semplicissimo ma gustosissimo. Innanzi tutto gli ingredienti:

1/4 di porro

2 carote

1 melanzana piccola

1 peperone

1 zucchina

olio extravergine di oliva

sale integrale grosso

Tagliare a pezzi piccoli le verdure e tritare il porro. Mettere tutto in una padella, condire con due cucchiai di olio e un po’ di sale e mescolare. Coprire la pentola e far cucinare circa per per venti minuti a fuoco basso. Quando le verdure sono cotte, togliere il coperchio e far saltare il tutto per due minuti. Servire accompagnato con del riso. Questa è la dose (abbondante) per due persone e una bimba.

Spero che il piatto vi piaccia, nel frattempo io continuo a provare ricette gustose tra un giro di maglia e l’altro in questa settimana piovosa.

Piove… giveawey per consolarci

Oggi piove, ovunque, e nemmeno le macchine della Formula 1 sembrano essere state graziate da tutta quest’acqua. Così per consolarci ecco una splendida foto dei mari della Polinesia fatta durante il nostro viaggio di nozze…

… e poi uno dei giveawey di www.lacasanellaprateria.com che questa settimana ci offre un libro decisamente adatto ad affrontare queste prime giornate fredde e bagnate da passare a casa con i bambini: Ricette per gioco di Natalia Cattelani, blogger di www.tempodicottura.it (da vedere e gustare assolutamente).  E penso che anche noi questo pomeriggio ci cimenteremo in attività ludico/culinarie… e domani vedrete i risultati.

Continua l’estate

Il sole splende alto nel cielo, indossiamo delle magliette, il bucato è steso fuori, una bellissima giornata estiva se non fosse il 7 di ottobre. Mi ero rassegnata a dover aspettare la primavera per scattare una foto adatta al titolo del mio blog, ma i prati qui attorno sono ancora fioriti e penso che potrei proprio uscire con la mia bambolina  e scattare un po’ di istantantanee di questo prolungamento d’estate. Anche perchè molto probabilmente la prossima settimana saremo tutti coperti sotto ai piumini… è proprio vero… non esistono più le mezze stagioni! Saggezza popolare a parte saranno anni che non utilizzo più quelle belle giacchette leggere o i maglioncini in cotone, passiamo direttamente dalla canotta alla tuta da sci. Peccato perchè l’autunno è sempre stata la mia stagione preferita. Ne’ troppo caldo, ne’ troppo freddo, niente pollini che ti fanno starnutire, viso ancora abbronzato e non cadaverico come a gennaio. E la natura ci offre i suoi colori più belli, il rosso, l’arancio e il giallo. Arrivano le zucche e le castagne e ricominciamo a passare più tempo a casa. Mi piacerebbe vivere in un luogo le cui temperature possano variare dai 15 ai 20 gradi… oppure posso migrare… evviva l’autunno tutto l’anno!!!

Switch to our mobile site